Ripartenza per il Parco di San Silvestro a Campiglia Marittima il 26 giugno e il 27 giugno inaugurazione della gestione dei musei di Suvereto

L’ultimo fine settimana di giugno segna il completamento della messa a regime per la stagione 2020 delle attività dei Parchi e Musei della Val di Cornia. Una ripartenza totale che ha proceduto per moduli all’interno di una programmazione iniziata il 23 maggio con l’apertura del Parco archeologico di Baratti e Populonia e dal Museo archeologico di Piombino e che gradualmente è andata a completare l’offerta del sistema con il Parco archeominerario di San Silvestro a Campiglia Marittima e il Museo della Rocca Aldobrandesca e il Museo della Bambola a Suvereto.

In particolare il 2020 vede il sistema dei Parchi e Musei della Val di Cornia arricchirsi di due nuove strutture: il Museo della Rocca Aldobrandesca e il Museo della Bambola, situati nel cuore del borgo medievale di Suvereto. Un ulteriore potenziamento della promozione condivisa del patrimonio del territorio attraverso la società Parchi.
Sabato 27 giugno le due strutture torneranno ad essere visitabili con questa nuova modalità di gestione. La mattina dalle 10 alle 14 aprirà il Museo della Bambola e, alle ore 16.00, la nuova gestione verrà festeggiata al Museo della Rocca Aldobrandesca con un’iniziativa a cui interverranno la Sindaca del Comune di Suvereto Jessica Pasquini e l’Amministratore delegato Mauro Tognoli e il Presidente Alessandro Bruni per la società Parchi Val di Cornia, seguita da una degustazione a cura dei produttori delle aziende di Suvereto. Il pomeriggio vedrà la partecipazione del Gruppo Storico Cavalieri di Ildebradino di Suvereto che intratterrà i presenti con incroci di spade e un allestimento tematico.
Il Museo artistico della Bambola, dedicato a uno dei giochi più significativi e simbolici della storia umana, è nato dalla Collezione di Maria Micaelli e rappresenta un percorso inedito e sorprendente che, dalle bambole del passato, ci porta fino ai nostri giorni, raccontando l’evoluzione del costume, degli stili, dei materiali e delle tecniche di realizzazione di oggetti dal fascino senza tempo. Un piccolo museo che trova la sua unicità nella particolarità e nel valore artistico di questa prestigiosa collezione che accoglie pezzi anche risalenti alla fine dell’Ottocento e che è stata arricchita, nel corso del tempo, da donazioni di privati tra cui quella dell’importante Casa Lenci, fondata a Torino nel 1919.
Altro fiore all’occhiello del borgo di Suvereto è la Rocca aldobrandesca con il suo Museo. Proprio il Museo, chiuso al pubblico negli anni scorsi, sarà di nuovo visitabile con la nuova gestione Parchi. Obiettivo principale della riapertura è quello di creare un legame più stretto con quella che è la vocazione del territorio di Suvereto: la produzione vinicola, la riscoperta dei valori di una comunità legata negli anni all’attività della transumanza, il filo rosso che lega il territorio intorno alla figura di Elisa Bonaparte Baciocchi.
L’apertura delle strutture museali di Suvereto rappresenta quindi un importante ampliamento dell’offerta culturale dei Parchi della Val di Cornia in un’ottica di rilancio e di sviluppo futuro del sistema.

Rocca Aldobrandesca Suvereto  Museo artistico della Bambola Parchi della Val di Cornia


Venerdì 26 giugno è prevista la riapertura di uno dei siti storici del sistema, il Parco archeominerario di San Silvestro nel territorio comunale di Campiglia Marittima a pochissimi chilometri dal suo suggestivo borgo medievale. Un parco che racchiude un territorio bello e complesso, articolato tra gallerie sotterranee e resti archeologici unici, come la Rocca di San Silvestro. La società ha lavorato in questo periodo per garantire modalità di visita tali da poter tornare a scoprire in tutta sicurezza il mondo sotterraneo, nel più rigoroso rispetto delle norme di sicurezza anti Covid previste per i musei e i luoghi della cultura. In particolare, non solo le visite alla Rocca ma anche quelle nelle miniere, più complesse dal punto di vista strutturale, sono state organizzate in modo tale da rispettare la sicurezza dei visitatori e degli operatori che lavorano nel parco. Le visite saranno contingentate, ma i biglietti potranno essere acquistati anche online senza maggiorazioni sul costo. In questo modo i visitatori potranno programmare l’accesso al parco ed avere una corsia preferenziale al momento dell’ingresso.
Venerdì 26 giugno alle ore 10.30 alla Rocca di San Silvestro verrà dato inizio alla stagione di visita del Parco con un simbolico taglio del nastro alla presenza della Sindaca del Comune di Campiglia Marittima Alberta Ticciati e dell’Amministratore delegato della Società Parchi Val di Cornia Mauro Tognoli.
L’inserimento dei museo di Suvereto nel sistema Parchi Val di Cornia, la riapertura del Parco archeominerario di San Silvestro che fa seguito alle aperture avvenute nelle settimane scorse del Parco archeologico di Baratti e Populonia, del Museo archeologico di Piombino e del Museo del Castello di Piombino, rappresentano sicuramente un importante traguardo nella ricomposizione dell’offerta turistica del territorio e del sistema stesso.

Parco archeominerario di San Silvestro foto Paolo Biondi

 

Informazioni, orari di apertura e modalità di visita:

  • Venerdì 26 giugno, per raggiungere Rocca San Silvestro, seguire le indicazioni per Ostello Gowett dove è possibile parcheggiare l’auto. Seguire il percorso indicato (circa 10 minuti a piedi).
  • Sabato 27 giugno ingresso gratuito al Museo della Rocca Aldobrandesca (che resterà sempre gratuito per i residenti di Suvereto). Gli ingressi al Museo saranno contingentati (accesso all’interno del museo max 12 persone a turno).