Constitution

The Val di Cornia Parks Company was established on 18 July 1993 as an initiative of the Municipalities of Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto, Sassetta and private partners, in accordance with article 22 of law no.142/1990 (today a single text of the laws on the organization of local autonomies, Legislative Decree no. 267/2000) as a public and private company, funded prevalently by public capital. Today the Val di Cornia Parks is a public company.

 

Shareholders

Click here

 

Mission

The company was set up in order to construct the system of the parks of the Val di Cornia, where the natural protected areas, archaeological areas and the cultural property of the Municipality of Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto and Sassetta, subject to the protection regime from the coordinated regulatory plans of the same municipalities. The duties of the Company are

  • to plan and complete the projects for the development of the cultural and environmental resources
  • to manage, in an integratedway. the facilities for public use.

 

Chronology

Click here

 

Investments

 

 

Innovation awards in the management on the cultural and environmental heritage

Click here

 

Parchi in corsa per il Premio paesaggio 2009

L’esperienza della Val di Cornia è la candidata del ministero per i Beni e le attività culturali come portabandiera dell’Italia alla prima edizione del concorso del Consiglio d’Europa
Sarà il sistema Parchi della Val di Cornia il portabandiera italiano alla prima edizione del Premio paesaggio 2009, promosso dal Consiglio d’Europa e riservato ad amministrazioni pubbliche e organizzazioni non governative. La prestigiosa candidatura è il risultato della selezione di 47 progetti su scala nazionale a cura della direzione generale per la Qualità e la tutela del paesaggio, per l’architettura e l’arte contemporanee (Parc) del ministero per i Beni e le attività culturali. E tra tutti il progetto Parchi è stato ritenuto il più rappresentativo nel panorama italiano per la sua capacità di esprimere i principi contenuti nella Convenzione Europea del Paesaggio, firmata nel 2000 a Firenze. Un importante riconoscimento per la società Parchi e il Circondario della Val di Cornia, che insieme hanno avanzato la candidatura, in vista della decisione finale del Consiglio d’Europa che assegnerà il premio all’esperienza, che più di altre, ha attuato una politica o preso dei provvedimenti volti alla salvaguardia, alla gestione e alla pianificazione sostenibile del paesaggio e che dimostrano una efficacia durevole e possono servire da modello significativo di buona pratica.
“La candidatura è un’opportunità per tutto il territorio, oltre che un riconoscimento al lavoro che negli anni ha visto impegnati tecnici e amministratori. – afferma Giampaolo Pioli, presidente del Circondario della Val di Cornia - I Parchi della Val di Cornia sono un’esperienza dinamica, presa spesso a modello per la sua capacità di coniugare la tutela degli aspetti naturalistici, paesaggistici e storico culturali del territorio con la valorizzazione economica degli stessi. Ciò fa si che la Parchi sia una società che fa impresa culturale, che chiede sempre meno ai Comuni, si autofinanzia e genera ricadute in positivo sul nostro comprensorio. La consapevolezza del valore dell’esperienza è affermata chiaramente nei Piani strutturali coordinati dei Comuni della Val di Cornia, in cui tutte le aree del sistema Parchi sono classificate come “Invarianti”, cioè non posso essere oggetto di svendite o di compromessi. Restano delle criticità territoriali da gestire ma gli strumenti di pianificazione urbanistica confermano la centralità dei Parchi”.
Un riconoscimento che idealmente allarga i confini della Val di Cornia. “La Convenzione Europea sul Paesaggio nasce in Toscana ed in Toscana è stata individuata l’esperienza italiana maggiormente rappresentativa di tale Convenzione. Perciò la valenza della candidatura è anche una conferma per la nostra Regione della diffusa capacità di adottare politiche per il territorio che coniugano tutela e salvaguardia dell’ambiente, identità culturale e sviluppo economico. – sostiene il presidente Parchi Val di Cornia Luca Sbrilli – Nella selezione l’esperienza Parchi ha dovuto competere con progetti importanti, proposti da enti come il Comune di Roma o la Provincia di Milano. Con la sua scelta il Ministero ha voluto premiare un’esperienza esportabile, che possa essere da esempio per altre realtà nel nostro Paese e in Europa, e che dimostra in concreto i risultati di politiche di tutela e valorizzazione del territorio avanzate anche da piccoli Comuni. Una candidatura che è il coronamento di un grande lavoro svolto in decenni dalla nostra comunità. Il ringraziamento è rivolto a quanti direttamente o indirettamente hanno lavorato e continuano a sostenere questa esperienza”.

This website uses cookies, also from third party, to improve your browsing experience and to offer online services according to your preferences. If you want to read more or negate consent to some or all cookies, go to the Cookie Policy section.
By closing this banner, browsing this page or clicking on any of its elements you are agreeing to our use of cookies.